Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

A chi ci rivolgiamo

trasportob

Storicamente STACCO VERONA individua gli utenti del servizio di trasporto sociale come persone anziane con almeno 65 anni, in effettive situazioni di scarsa mobilità o disagio sociale che abbisognano di recarsi a fare cure o visite presso presidi medici od ospedialieri.

Il Tavolo di Lavoro istituito da Regione del Veneto individua ulteriori modalità di selezione dell’utenza che tengano conto di un più ampio ventaglio di indicatori del “disagio sociale” delle persone trasportate.

La valutazione della condizione di “disagio sociale” deve rappresentare elementi multi fattoriali che tengano conto:
- della condizione fisica della persona;
- della rete sociale (familiare e amicale);
- del bisogno di trasporto relativamente al raggiungimento degli obiettivi individuali di maggior
benessere, socializzazione, autonomia della condizione economica del soggetto;
- della mancanza di servizi pubblici raggiungibili;
- della mancanza degli ausili necessari al trasporto;
- di povertà economica.

Alcuni ambiti e tipologie di trasporto in cui il progetto può essere attivato sono state così elencate:
- trasporto per cure riabilitative e terapie mediche che non rientrano in ambito di trasporti sanitari (vale a dire ambulanze, Stacco non è un servizio medicalizzato);
- trasporto di persone che aderiscono al progetto “Sollievo” per soggetti affetti da malattia di Alzheimer, se privi di reti familiari;
- trasporto di persone coinvolte nel progetto RIA (Reddito Inclusione Attiva);
- trasporto per attività di socializzazione ludico ricreative rivolto a persone come soggetti disabili, anziani oppure in stato di esclusione o fragilità sociale purchè non vi siano altri strumenti (convenzioni, accordi, ecc.) in tal senso già previsti dalle amministrazioni locali;
- trasporto al fine di effettuare pratiche di ufficio;
- accompagnamento ad attività educative e formative dove siano presenti condizioni di marginalità e/o isolamento sociale;
- accompagnamento per progetti personalizzati di alternanza scuola-lavoro non previsti dai trasporti scolastici organizzati e obbligatori.

Altro in questa categoria: I "numeri" del servizio »